Immigrati afghani nascosti in un carico di pneumatici

Nella zona industriale di Caponago, i carabinieri di Vimercate sono intervenuti presso una ditta attiva nel commercio di pneumatici, allertati dal conducente macedone di un articolato che, mentre...

542 1
542 1

Nella zona industriale di Caponago, i carabinieri di Vimercate sono intervenuti presso una ditta attiva nel commercio di pneumatici, allertati dal conducente macedone di un articolato che, mentre attendeva di poter scaricare il camion, aveva sentito provenire delle voci dal semirimorchio.

Sono state inviate immediatamente sul posto due  pattuglie. I militari, mentre provvedevano ad aprire il portellone posteriore, si sono trovati faccia a faccia con un giovane ragazzo che con poche parole in inglese riferiva loro che erano sei uomini di nazionalità afgana.

La macchina dei soccorso veniva subito attivata, prima il 118 sul posto per una veloce constatazione del loro stato di salute. Accompagnati presso il Comando di via Damiano Chiesa, tramite l’intervento di un interprete i ragazzi, due ventenni mentre gli altri quattro tutti compressi tra i 16 d i 14 anni, di cui 3 sono fratelli, hanno raccontato il loro duro viaggio, iniziato 8 mesi fa dalla loro terra natia per raggiungere la Serbia attraverso la rotta balcanica per essere ospitati presso il campo profughi di Bogovadja.

La Croce Rossa ed la locale protezione civile, attivate prontamente dall’Arma, hanno risposto con la consueta disponibilità fornendo brandine, coperte, acqua, the caldo. I ragazzi, che per 4 giorni hanno dormito in un rimorchio telonato nei loro sacchi, hanno potuto beneficiare di un po’ di comfort e calore soprattutto umano.

L’indomani secondo le Leggi dello Stato Italiano i due maggiorenni venivano accompagnati dai carabinieri in una struttura inserita nel progetto SPRAR. Per i 4 minori è stata attivata la procedura tramite il Tribunale per i Minorenni di Milano poiché “minori non accompagnati” e sono stati collocati in case di accoglienza.

Ora si dovrà chiarire come e quando i ragazzi siano saliti a bordo di un carico proveniente da una azienda produttrice di pneumatici situata in Serbia.

Condividi

Join the Conversation