Esercito: un impegno per la sicurezza e contro il terrorismo

A Palazzo Cusani sede del Comando Militare Esercito Lombardia, martedì 8 Maggio, si è svolta  la celebrazione del 157°...


273 0
273 0

A Palazzo Cusani sede del Comando Militare Esercito Lombardia, martedì 8 Maggio, si è svolta  la celebrazione del 157° Anniversario della costituzione dell’Esercito Italiano. La cerimonia è stata presenziata dal Generale di Corpo d’Armata Roberto Perretti, Comandante del Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO, il Presidente del Consiglio Regionale della Lombardia,  Alessandro Fermi ed il Prefetto di Milano,  Luciana Lamorgese.

Momenti particolarmente interessanti della manifestazione sono stati la rievocazione storica delle uniformi dell’Esercito Italiano e l’intervento di Alessandro Gualtieri, rinomato storico e ricercatore milanese che da diversi anni si dedica allo studio della Prima Guerra Mondiale di cui è un esperto riconosciuto a livello internazionale. Autore di svariate pubblicazioni storiche di successo, in lingua italiana e inglese; ha collaborato con RAI Storia, l’Espresso, Radio Popolare e la BBC.

L’Esercito non ha festeggiato solo i suoi 157 anni ma anche un impegno che lo vede protagonista nella prevenzione al terrorismo; infatti oggi conta più di 4.000 militari schierati in 14 diversi paesi come Iraq, Libano, Afghanistan, Kosovo, Libia, Somalia e Mali, con compiti che vanno dalla cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di stabilizzazione e ricostruzione, sino all’addestramento delle forze di sicurezza locali.

Questa operatività rientra  in quella gamma di attività nota come Security Force Assistance (SFA). Altra operazione di grande rilevanza è il progetto “Strade sicure” con circa 7 mila i soldati impegnati  in concorso con le Forze dell’Ordine per il presidio del territorio nazionale.

L’Esercito in Italia dal  1° Gennaio 2018 ad oggi  ha consentito l’identificazione di oltre 76.000 persone, 213 delle quali poste in stato di fermo, oltre 300 denunciate; 17.987 veicoli controllati con 24 sequestri di armi e 232 di veicoli. Cospicuo il sequestro di sostanze stupefacenti e oggetti contraffatti. 

Un impegno dinamico  a 360 gradi che evidenzia una spiccata valenza duale nell’ottica di dotare lo strumento militare terrestre sia di avanzate capacità di combattimento delle unità sul terreno, sia di poter intervenire tempestivamente sia in Patria sia all’estero, in situazioni di emergenza o di pubblica utilità, tra queste, solo nell’ultimo anno, circa 3.000 bonifiche di ordigni esplosivi e residuati bellici e 153 sortite antincendio, per un totale di 356 ore di volo effettuate con velivoli dell’Aviazione dell’Esercito.

Commenti