Da Regione 250 mila euro per nove parchi gioco inclusivi in Brianza

“Pubblicata la graduatoria del bando di Regione Lombardia che finanzia progetti per nuovi parchi gioco inclusivi sul territorio lombardo. Più di sette milioni di euro, ripartiti sulle varie province,...

624 0
624 0

“Pubblicata la graduatoria del bando di Regione Lombardia che finanzia progetti per nuovi parchi gioco inclusivi sul territorio lombardo. Più di sette milioni di euro, ripartiti sulle varie province, che mostrano ancora una volta l’attenzione particolare che pone la Giunta di Attilio Fontana sul tema della disabilità e dell’inclusione”.

Lo ha dichiarato in una nota il capogruppo del Carroccio in Consiglio regionale, Alessandro Corbetta: “La grande partecipazione degli enti locali a questo bando è chiara indicazione della validità del progetto, che bisogna continuare a finanziare e incentivare”.

“Per quanto riguarda Monza e Brianza, sono stati finanziati nove progetti per un totale di circa 250 mila euro. I parchi gioco inclusivi – continua Corbetta – sono accessibili, sicuri e privi di barriere architettoniche, in modo da garantire il diritto al gioco a tutti i bimbi, migliorando la possibilità di interazione sociale e la qualità della vita delle persone diversamente abili e delle loro famiglie”.

I nove Comuni della provincia di Monza e Brianza finanziati, per un totale di 246.931 euro, sono:

CAVENAGO DI BRIANZA – € 30.000
CARNATE – € 30.000
USMATE VELATE – € 30.000
CESANO MADERNO – € 30.000
ARCORE – € 28.523
MISINTO – € 30.000
LESMO – € 27.000
CONCOREZZO – € 27.240
VAREDO – € 14.167

“Il nostro governo regionale – ha dichiarato l’Assessore Regionale Elena Lucchini – è fortemente impegnato a favorire l’inclusione, migliorando la qualità di vita delle persone con disabilità. Offriamo percorsi di attività ludiche e percorsi naturalistici accessibili, strutture semiresidenziali adeguate e servizi in ambito sportivo. Il bando sui parchi gioco si inserisce in questa missione. Grazie alle ulteriori risorse stanziate potremo realizzare un numero davvero importante di progetti proposti dalle amministrazioni locali. Parlo di parchi giochi inclusivi e percorsi naturalistici inclusivi, ma anche migliorare strutture residenziali e servizi di ambito sportivo. Così potenziamo i processi di socializzazione e di integrazione delle persone con disabilità motorie, sensoriali, intellettive. Saranno nuovi spazi aperti davvero a tutti e beneficio delle nostre comunità”.

Condividi

Join the Conversation