Commercio, estesa la misura regionale “Zero Irap”

Approvata dalla Giunta Regionale della Lombardia la delibera che conferma ed estende la misura “Zero Irap”. Il provvedimento prevede uno sconto totale per tre anni dell’Irap per le imprese...

250 0
250 0

Approvata dalla Giunta Regionale della Lombardia la delibera che conferma ed estende la misura “Zero Irap”. Il provvedimento prevede uno sconto totale per tre anni dell’Irap per le imprese artigiane e commerciali che aprono nei centri storici dei Comuni e sull’intero territorio comunale nei Comuni al di sotto dei 3 mila abitanti.

“La Giunta lombarda – afferma il consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta – ha attuato con delibera quanto previsto da un mio emendamento al bilancio regionale di previsione. Il beneficio fiscale viene dunque ulteriormente esteso alla fascia, precedentemente non prevista, da 3000 ai 15 mila abitanti”.

“Sono sempre di più i Comuni lombardi interessati da questa importante agevolazione – dichiara Corbetta, che prosegue: “Si tratta dei capoluoghi di provincia, dei Comuni con popolazione superiore a 40 mila abitanti e della fascia di Comuni compresi da 0 e 15.000 abitanti”.

“I nuovi negozi di vicinato, sia che si tratti di esercizi commerciali che attività artigianali come panetterie o gelaterie, non pagheranno l’Irap per tre anni. Un beneficio che vale in media 3500 euro ogni anno per un valore complessivo di 10.000 euro per ogni nuova attività”.

“La misura Zero Irap – continua il consigliere regionale – contrasta in maniera efficace la crisi che stanno vivendo i piccoli esercizi commerciali, che rappresentano la linfa vitale e sociale dei nostri centri storici. Anche per questo siamo già al lavoro per raggiungere l’obiettivo di estendere questa importante agevolazione a tutti i Comuni della Lombardia. Credo che sia inoltre necessaria – conclude Corbetta – una campagna di sensibilizzazione a sostegno dei negozi di vicinato, la cui stessa sopravvivenza è messa a rischio ogni giorno di più non solo dalla grande distribuzione ma anche dalla temibile concorrenza del commercio online in stile Amazon”.

Con la delibera approvata da Palazzo Lombardia sono ben 39 i Comuni in Brianza che beneficiano di questo provvedimento: Monza Lissone Seregno Desio Villasanta Varedo Biassono Bernareggio Cornate d’Adda Usmate Velate Verano Brianza Triuggio Lesmo Cogliate Sovico Lazzate Vedano al Lambro Macherio Bellusco Cavenago di Brianza Carnate Barlassina Busnago Ceriano Laghetto Albiate Briosco Misinto Caponago Ornago Roncello Mezzago Sulbiate Veduggio con Colzano Burago di Molgora Renate Ronco Briantino Correzzana Camparada Aicurzio

Condividi

Join the Conversation