Centro Lissone, vince “Agorà in libertà”

Lissone – E’ «Agorà in Libertà» il progetto vincitore del Concorso di idee per la riqualificazione urbana del Centro storico e di Piazza Libertà indetto dall’Amministrazione Comunale di...

584 0
584 0

Lissone – E’ «Agorà in Libertà» il progetto vincitore del Concorso di idee per la riqualificazione urbana del Centro storico e di Piazza Libertà indetto dall’Amministrazione Comunale di Lissone.

Il giudizio finale è la sommatoria della valutazione della Commissione tecnica e della fase partecipativa, che ha visto complessivamente 1.089 cittadini esprimere la propria preferenza scegliendo fra i 3 progetti finalisti.

Agorà in Libertà (Arch. Stefano Moscatelli di Cantù (CO) con arch. Giorgio Arosio, arch. Alessio Brambilla, arch. Barbara Cavalieri e arch. Matteo Moscatelli) ha conquistato complessivamente 118 punti.

UNA LINEA E’ UN PUNTO CHE E’ ANDATO A FARE UNA PASSEGGIATA (S.B. Arch – Studio Bargone architetti associati di Roma-Foligno (PG) – arch. Federico Bargone con arch. Francesco Bartolucci, arch. Enrico Auletta e arch. Gianluca Pelizzi) si classifica al secondo posto con un totale di 101 punti.

TAMAM (Studio Associato SBG Architetti di Milano – arch. Sergio Gianoli con arch. Ivano Fiamma) si classifica al terzo posto con un totale di 85 punti.

Progetto segnalato con Menzione: VIRIDI SILVA (arch. Giancarlo Leone di Milano) con 70 punti.

Il giudizio della Commissione tecnica aveva attribuito 100 punti al progetto Agorà in Libertà, 94 a UNA LINEA E’ UN PUNTO CHE E’ ANDATO A FARE UNA PASSEGGIATA, 82 a TAMAM.

Il voto della cittadinanza ha, di fatto, confermato la classifica della Commissione tecnica: più votato è stato Agorà in libertà con 672 voti (pari al 62% del totale che gli sono valsi 18 dei 30 punti in gioco attraverso la partecipazione popolare); UNA LINEA E’ UN PUNTO CHE E’ ANDATO A FARE UNA PASSEGGIATA ha ottenuto 248 voti validi pari al 22,899% e 6,8 punti. Infine, per TAMAM sono stati 163 o voti validi, pari a circa il 15% e a 4,5 punti da sommare al voto della Commissione.

Il giudizio dei componenti della Commissione giudicatrice aveva messo in evidenza punti forti e criticità di ciascun progetto, elementi che hanno consentito di esprimersi con ulteriore consapevolezza e valutando potenzialità positive e negative delle proposte finaliste.

La selezione dei progetti è stata il frutto del lavoro coordinato dall’architetto Dirk Cherchi e svolto da una Commissione tecnica presieduta dal Dirigente del Settore Pianificazione e Gestione del Territorio del Comune di Lissone, Paola Taglietti.

La preferenza espressa dalla cittadinanza (valida complessivamente 30 punti, suddivisi fra i 3 progetti finalisti sulla base delle percentuali di preferenze ottenute), unita al giudizio della Commissione tecnica (che ha attribuito un massimo di 100 punti per ogni progetto), ha contribuito a decretare la classifica finale.

Condividi
monza in diretta

Join the Conversation