San Gerardo: primo intervento di riparazione della valvola tricuspide senza bisturi

Nei giorni scorsi la Cardiologia Interventistica dell’Ospedale San Gerardo di Monza ha eseguito il primo intervento di impianto del dispositivo Triclip per la riparazione della valvola tricuspide tramite...

612 0
612 0

Nei giorni scorsi la Cardiologia Interventistica dell’Ospedale San Gerardo di Monza ha eseguito il primo intervento di impianto del dispositivo Triclip per la riparazione della valvola tricuspide tramite cateteri endovascolari.

Si tratta di un intervento di riparazione della valvola che separa l’atrio dal ventricolo di destra condotto attraverso una vena alla base della gamba (vena femorale), praticato in pochissimi Centri a livello nazionale.

La paziente, una donna di 77 anni affetta da una grave insufficienza tricuspidale, è stata dimessa pochi giorni dopo l’intervento che è stato eseguito dall’équipe della Cardiologia Interventistica diretta dal dottor Pietro Vandoni e costituita dal dott. Simone Tresoldi (primo operatore negli interventi di questo tipo) e dai dottori Ivan Calchera e Stefano Righetti, affiancati dal dott. Giuseppe Trocino responsabile del servizio di diagnostica cardiologica, dalla dott.ssa Lucia Boffi, esperta in imaging cardiaco trans esofageo e dal cardio-anestesista dottor Paolo Calzavacca con il supporto del personale infermieristico specializzato nell’assistenza di sala negli interventi ad alta complessità eseguiti in emodinamica coordinati da Marco Grioni.

L’insufficienza tricuspidale è una condizione riscontrata sempre più di frequente che, pur comportando un aumentato rischio di morte e una progressiva riduzione della qualità della vita del paziente, non viene operata volentieri per i risultati non eccellenti della chirurgia tradizionale.

L’intervento viene eseguito in sala di emodinamica in anestesia generale utilizzando le immagini ecografiche trasmesse da una sonda transesofagea che permette di posizionare una o più clip sui lembi della valvola ottenendone la stabilizzazione. Una tecnologia molto simile a quella già utilizzata anche al San Gerardo da alcuni anni per il trattamento dell’insufficienza valvolare mitralica (impianto di Mitraclip).

“La Triclip – sottolinea il dott. Vandoni – si aggiunge alle possibilità di cura dei pazienti affetti dal malfunzionamento delle valvole cardiache che ha spesso un ruolo determinante nella progressione e nello sviluppo dei sintomi invalidanti dell’insufficienza cardiaca, una patologia in costante aumento negli ultimi decenni”.

Patologia contro la quale il San Gerardo ha rafforzato l’impegno affidando la struttura dedicata allo scompenso cardiaco alla dottoressa Daniela Pini, esperta nella gestione dello scompenso cardiaco avanzato, con una importante esperienza in questo ambito maturata in alcuni centri italiani e negli Stati Uniti.

Condividi

Join the Conversation