Picco influenzale in corso: ATS Brianza e Regione attivano Unità di Crisi

Il picco influenzale che si sta manifestando proprio in questi giorni, ha fatto registrare un continuo incremento degli accessi ai Pronto Soccorso in...


picco influenzale
2222 0
2222 0

Il picco influenzale che si sta manifestando proprio in questi giorni, ha fatto registrare un continuo incremento degli accessi ai Pronto Soccorso in tutta la Regione Lombardia, con condizioni di iperafflusso e sovraffollamento anche sul territorio dell’ATS della Brianza (Monza e Lecco). Per far fronte alle tante criticità emerse e ridurre i disagi ai cittadini, l’ATS Brianza ha convocato oggi l’Unità di Crisi dei Pronto Soccorso.

Dal primo dicembre 2017 si è avuto infatti un grande incremento dei volumi di attività che ha coinvolto prevalentemente pazienti in codice rosso (+30%) ed in codice giallo (+17%). Lo straordinario incremento di pazienti ad elevata complessità assistenziale è avvenuto contemporaneamente all’incremento dell’incidenza di sindromi influenzali che, in maniera inattesa, ha già superato quanto osservato l’anno scorso.

“Questa situazione – afferma il direttore socio-sanitario dott. Rinaldi – ha portato così alla saturazione anche dei posti letto aggiuntivi rendendo necessario l’accordo con alcune strutture sanitarie private accreditate (G.B. Mangioni Hospital, Casa di Cura Beato Luigi Talamoni, Istituti Clinici Zucchi ed INRCA) del nostro territorio che hanno dato disponibilità ad accogliere pazienti necessitanti di ricovero, contribuendo ad incrementare la disponibilità recettiva ospedaliera complessiva”.

Considerato il momento di picco influenzale anche Regione Lombardia ha messo in atto alcune iniziative che coinvolgono i medici di Medicina Generale e le Asst per cercare di tamponare il fenomeno del sovraffollamento dei pronto soccorso che purtroppo negli ultimi 10 giorni ha già interessato la maggior parte delle strutture, precisamente il 41% di quelli generali e il 100% di quelli pediatrici, con picchi superiori ai 12 mila accessi.

Commenti