Ecografo 3D alla Radiologia del San Gerardo

La Radiologia dell’Ospedale San Gerardo di Monza si è dotata di di una nuova apparecchiatura di ecografia 3D, ossia di quella moderna tecnica di diagnostica per immagini che...

231 0
231 0

La Radiologia dell’Ospedale San Gerardo di Monza si è dotata di di una nuova apparecchiatura di ecografia 3D, ossia di quella moderna tecnica di diagnostica per immagini che utilizza gli ultrasuoni per ottenere immagini di organi e parti del corpo umano utili ai fini diagnostici.

“Le nuove sonde ecografiche installate sull’apparecchio – spiega il dott. Rocco Corso, Direttore della Struttura – posseggono un elevato potere di penetrazione degli ultrasuoni permettendo di esplorare organi interni anche in sede profonda, mantenendo alti livelli di risoluzione che favoriscono maggior precisione e dettagli durante l’esame, con il risultato di arrivare a diagnosi precise che consentono di indirizzare precocemente la persona ad ulteriori esami quali ad esempio la TAC, RMN o la PET”.

L’elevata risoluzione temporale di questo nuovo ecografo permette di ottenere immagini istantanee, anche di organi in movimento, creando immagini in tempo reale visualizzabili su un ampio monitor HD a colori da 24 pollici.

L’ecografo esprime le sue potenzialità anche nelle acquisizioni 3D fornendo una mappa tridimensionale degli organi, nella Fusion (ossia la possibilità di integrare e fondere immagini TAC/RMN e/o PET con quelle ecografiche), nell’elastosonografia ottenendo informazioni sull’elasticità e rigidità dei tessuti, nella diagnostica eco-contrastografica (CEUS) per un’analisi della dinamica vascolare di lesioni tumorali e non, ad esempio del fegato e nello studio della microvascolarizzazione degli organi e tessuti.

Il nuovo apparecchio nel reparto di Radiologia integra e completa l’ampia dotazione di apparecchiature ecografiche esistenti, trovando principale impiego negli esami di 2° livello, in particolare negli accertamenti bioptici eco-guidati di organi o strutture superficiali come tiroide, linfonodi, tumefazioni del collo ed implementando il settore di radiologia senologica sia in campo diagnostico (ecografia della mammella) sia interventistico (biopsie mammarie, posizionamento reperi/fili guida).

La semplicità e la rapidità di impiego lo rendono versatile ad un utilizzo interdisciplinare. Non ultima l’integrazione con il PACS, ossia quella rete informatica intraospedaliera dove convergono tutte le immagini radiologiche, che permette una elaborazione delle immagini digitali acquisite ed una sicura archiviazione delle stesse.

“Tecnologie di ultima generazione, multidisciplinarietà dell’approccio, tempestività e precisione della diagnosi consentono alla nostra Azienda di aumentare le capacità diagnostiche a favore dei pazienti e di essere sempre all’avanguardia sotto il profilo della cura”, sottolinea il Direttore Generale della ASST di Monza Mario Alparone.

Condividi
monza in diretta

Join the Conversation