In Venezuela il ruolo cruciale della Chiesa

Dal Venezuela un missionario ci manda questa sua testimonianza con l'invito a pubblicarla. È una voce che si aggiunge alle tante altre, purtroppo, già note...


102 0
102 0

Dal Venezuela un missionario ci manda questa sua testimonianza con l’invito a pubblicarla. È una voce che si aggiunge alle tante altre, purtroppo, già note nel nostro Paese. Sotto la presidenza di Hugo Chávez, dal 1999 al 2013, anno della sua morte e di quella attuale di Nicolás Maduro l’economia venezuelana è andata progressivamente in crisi causando sciagure e lutti.

Monsignor Jaime Villarroel, vescovo di Carupano in Venezuela, ha riferito che il Paese sotto il regime del presidente Nicolas Maduro «è un campo di concentramento dove stanno sterminando i venezuelani».Lo ha affermato in una conferenza stampa a Città del Messico, il 31 Ottobre, l’ultimo giorno della sua visita testimoniale al Paese da parte della Pontificia Fondazione Aiuto alla Chiesa che soffre.

Dal 24-31 Ottobre monsignor Villarroel ha visitato Guadalajara, Puebla, Apatzingan, Queretaro e Città del Messico, incoraggiando i cattolici e la comunità internazionale per aiutare il Venezuela.

Il popolo venezuelano, ha detto, «non può uscire da questa situazione da solo. Il Venezuela è un campo di concentramento in cui gli stessi venezuelani vengono sterminati. Questo regime che Nicolás Maduro presiede oggi in Venezuela sta commettendo uno sterminio, uccidendo la nostra gente di fame e anche per mancanza di medicine». Per il vescovo venezuelano, nel suo Paese «una tragedia viene commessa in dimensioni inimmaginabili».

Il Venezuela è torturato, ha detto, aggiungendo che alcuni casi sono già stati presentati dinanzi alla Corte interamericana dei diritti umani e alla Corte penale internazionale contro il governo venezuelano.

Il vescovo Villarroel ha assicurato che il problema è iniziato nel 1999, con l’arrivo di Hugo Chávez al potere. «Non abbiamo votato con buon senso e con la ragione, e questo ha portato a una tragedia dove sono oggi muoiono migliaia e migliaia di venezuelani per mancanza di cibo e la mancanza di medicine e dove i diritti umani sono costantemente violati».

Oggi l’80% delle industrie è distrutto, ha detto, lamentandosi del fatto che l’inflazione dello scorso mese era al 270%. Ci sono pochi prodotti. Il salario minimo per un venezuelano per un mese è tra 4 e 6 dollari. Con 4 e 6 dollari una famiglia deve nutrire i propri figli.

Con quei soldi, ha precisato, un lavoratore in Venezuela può comprare solo tre o quattro prodotti: un cartone di uova, un chilo di riso, un pacchetto di farina e un po’ di carne; e questo non è abbastanza per comprare altro. Ci sono famiglie in cui l’unico cibo è il riso.

Monsignor Villarroel ha affermato che nel 2017 «sono morti più di 20.000 neonati, perché non ci sono condizioni per prendersi cura delle madri quando stanno per partorire. Molte madri devono partorire nei corridoi dell’ospedale. Il 60% delle madri che hanno partorito sono morte durante il parto».

Negli ospedali mancano cotone, garza e alcool. Inoltre, i media sono totalmente controllati dal governo e si dedicano alla «propaganda che cerca di dimostrare che in Venezuela tutto è prospero, che non manca nulla, che tutti i venezuelani vivono bene».

Il governo di Maduro ha anche lanciato vari attacchi contro la Chiesa cattolica, ha detto. Tra questi, minacce e dipinti nelle chiese e «hanno cercato di creare una Chiesa cattolica riformata, nazionalista, con ministri di altre confessioni cristiane e sacerdoti cattolici che hanno lasciato il ministero. Il governo di Nicolás Maduro ha deriso la Santa Sede».

In vari episodi d’intimidazione e violenza non sono stati risparmiati neppure sacerdoti cattolici sottoposti a umiliazioni aberranti segno di un clima di repressione verso qualsiasi forma di dissenso. La Chiesa, nonostante ciò, è rimasta compatta e i suoi ministri non si sono piegati alle pressioni governative.

 

Commenti