Lega all’attacco: “Provincia in mano ai burocrati”

Si svolgerà probabilmente domenica 24 settembre l'elezione del nuovo Presidente della Provincia di Monza e Brianza. La scoperta della data è avvenuta per caso grazie...


provincia monza
442 0
442 0

Si svolgerà probabilmente domenica 24 settembre l’elezione del nuovo Presidente della Provincia di Monza e Brianza. La scoperta della data è avvenuta per caso grazie al leghista Andrea Monti che ha “intercettato” una comunicazione tra il Segretario Generale della Provincia, Diana Rita Naverio, il Prefetto e tutti i Segretari Comunali dei 55 comuni della Brianza.

“La classica comunicazione tra burocrati – affermano i rappresentanti del Carroccio –  peccato che nella recente Assemblea dei Sindaci, organizzata giusto qualche giorno fa, il vice Presidente Roberto Invernizzi, si era guardato bene di annunciare la scelta ai numerosi Sindaci presenti, tantomeno di condividerla. Una questione che non è solo di forma, ma che diventa di sostanza, visto che con agosto di mezzo le settimane operative si riducono, e il corpo elettorale dovrebbe essere informato quanto prima, per potersi preparare ed organizzare.”

Andrea Villa, capogruppo della Lega Nord in Consiglio Provinciale, interviene duramente: “È davvero scandaloso. La nostra Provincia di Monza e della Brianza è stata lasciata nelle mani della burocrazia, che tutto fa, tutto dice, senza nemmeno avere il buon gusto di informare Sindaci e Consiglieri, ovvero i rappresentanti democraticamente eletti. Chiederemo subito conto al vice Presidente Roberto Invernizzi di questo fatto antipatico, ricordando pure che tutto tace sul fronte della redazione del bilancio, non si convocano più Consigli Provinciali, non si sa  più nulla”.

“Ho avuto solo la fortuna di intercettare la comunicazione – spiega il consigliere provinciale Andrea Monti – per errore finita sulla mia scrivania di Assessore Comunale di Lazzate. Il vice Presidente è molto attento a comparire in gigantografie sui giornali, ma scopriamo che a comandare davvero sono i funzionari, siamo in mano alla Burocrazia. Pensavamo di aver visto tutto con la Presidenza Ponti, ma in fatto di rispetto questo breve periodo di reggenza Invernizzi ci sta insegnando che non c’è limite al peggio. Speriamo presto di poter scegliere un Presidente che abbia a cuore la nostra Provincia, il rispetto per le istituzioni e che sappia essere apprezzato e condiviso da tutti»

“Popolo escluso dal voto e la data del voto decisa dalla burocrazia. Queste sono le riforme del PD… e hanno anche il coraggio di farsi chiamare democratici”, commenta infine Cesare Gariboldi, consigliere comunale della Lega Nord a Monza. 

Commenti