Gattino abbandonato in autostrada, salvato da una brianzola

Dopo un'estate segnata da un numero impressionante di abbandoni di gattini, l'autunno comincia con un abbandono davvero terribile per le modalità in cui è avvenuto...


146 0
146 0

Dopo un’estate segnata da un numero impressionante di abbandoni di gattini, l’autunno comincia con un abbandono davvero terribile per le modalità in cui è avvenuto e per le conseguenze che poteva avere.

In un tardo pomeriggio di fine settembre arriva in canile la telefonata di Rosella, una signora di Lissone (MB), che ha appena salvato un micino in modo rocambolesco.

Rosella sta viaggiando sulla A8, l’Autostrada dei Laghi, in direzione di Milano. Poco prima di Legnano (MI), circa 300 metri davanti a lei, avviene un tamponamento a catena e tutto il traffico rallenta di colpo. L’auto davanti a Rosella, nella corsia centrale, improvvisamente inchioda e lei con orrore capisce il motivo: in mezzo alla corsia di sorpasso c’è un gattino bianco e rosso.

Ha pochi istanti per pensare ma si ferma, mette le quattro frecce, blocca le macchine dietro di sé, scende e prende al volo il gattino. Il suo unico pensiero è quello di salvarlo. Di sicuro non è arrivato lì da solo: con tutta probabilità un automobilista ha approfittato del caos dell’incidente per disfarsene.

La brutta avventura non è finita perché una volta ripartita, Rosella non vede più il gattino. Arriva a casa a prendere il figlio di 7 anni, Daniele, perché dia una mano nel cercarlo, ma dell’animaletto non c’è traccia.

L’arrivo al Gattile di Monza.

Quando arriva al rifugio di Monza, Rosella è ancora tremante e sotto choc, sia per il rocambolesco soccorso sia per la scomparsa del gattino la cui punta della coda, per fortuna, si intravede da un’apertura posta sotto il cruscotto. Lo scarso spazio dell’abitacolo rende difficile il recupero, ma alla fine la volontaria Silvia riesce a tirare fuori il gattino, terrorizzato e ormai sfinito.

È un maschietto di circa due mesi e mezzo, piuttosto sottopeso e pieno di pulci e zecche, che viene battezzato “Daniele“, come il figlio di Rosella. È un gattino vispo, dolcissimo e affettuoso e si sta riprendendo alla grande.

Chi avesse informazioni utili a ritrovare l’autore di questo crudele abbandono, è pregato di contattarci in totale riservatezza al numero 039-835623 (rifugio) o scrivendo a gattile@enpamonza.it oppure maltrattamenti@enpamonza.it.

Commenti