Al Volvo Studio protagonista una immensa Giulia Terzi

Ultimo appuntamento estivo con #unviaggioincredibile vede protagonista una immensa Giulia Terzi, campionessa di vita e di nuoto paralimpico, ai Giochi olimpici di Tokyo 2020 ha incassato 5 medaglie:...

602 0
602 0

Ultimo appuntamento estivo con #unviaggioincredibile vede protagonista una immensa Giulia Terzi, campionessa di vita e di nuoto paralimpico, ai Giochi olimpici di Tokyo 2020 ha incassato 5 medaglie: 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo STIMA !
Giulia è cresciuta con una malattia congenita rara che l’ha costretta su una sedia a rotelle dal 2018. Sostenuta dall’amore della famiglia e dei fratelli ha affrontato la sfida più grande tuffandosi a capofitto nei suoi obbiettivi, sia sportivi che universitari, due lauree conseguite, una in Scienze Politiche e l’altra in Giurisprudenza conseguita con lode pochi giorni dopo il rientro dalle olimpiadi.

Giulia tu sei una storia incredibile! Qual è il tuo segreto, fa parte del tuo carattere?
“Un pochino sì, io sono una persona molto determinata che quando ha davanti un  obiettivo fa di tutto pur di raggiungerlo. Il segreto è che ho sempre fatto cose che mi piacciono e quindi sono state più leggere, studio, sport e quant’altro le ho scelte con questa visione.

Giulia hai  fatto del tuo percorso Vita un meraviglioso capolavoro, un viaggio incredibile, senza mai gettare la spugna anche quando è  cambiato e non per volontà tua…come hai affrontato tutto ?
“Nel 2018 sono rimasta in carrozzina a seguito di una grave scoliosi congenita che mi è stata diagnosticata quando ero molto piccola… la scoliosi era parecchio grave quindi per evitare subito di operare hanno provato a ingessarmi, poi a mettermi un corsetto ma purtroppo ho dovuto subire 3 interventi chirurgici e ci sono stati dei coinvolgimenti a livello midollare quindi dal 2018 io sono rimasta sulla carrozzina. Da piccola avevo il sogno di andare all’olimpiadi e non me lo sarei mai aspettata quando sono partita ho detto a mia mamma:  “dai speriamo di vincere una medaglia giusto per averla di ricordo e non avere solo la mascotte comprata al negozio” e poi avere quella ufficiale del podio e addirittura cinque su cinque gare, oltre ogni mia aspettativa, sono molto contenta”

Giulia e la piscina ?
“La prima volta in piscina non me la ricordo perché mia mamma è un ex agonista e mi ha  portato in piscina a cinque mesi, non mi piaceva per niente quando avevo cinque anni non ne potevo proprio più e piangevo ogni volta che entravo in piscina, odiavo quando il maestro mi schizzava e non ne volevo sapere cosi scelsi un altro sport la ginnastica. A 13 anni purtroppo ho dovuto interrompere il percorso da ginnastica l’ho continuato come allenatrice ma nel 2018 poi mi è stato detto che l’unico sport che io potessi praticare era il nuoto. Ora per me il rapporto con l’acqua  è un momento molto intimo perché io sono completamente me stessa perché posso muovermi tranquillamente senza carrozzina, in acqua penso, ragiono, ripeto le mie lezioni prima dell’esame è un po’ quell’elemento in cui mi sento completamente me stessa e so che dall’acqua non verrò mai giudicata e quindi sono un po’ protetta da questo ambiente”

Giulia dal nuoto alle due lauree come ci sei riuscita?
“Ci vuole organizzazione, determinazione. Avendo praticato lo sport a livello agonistico ero abituata a questi ritmi, perché finivo scuola alle quattro dalle quattro e mezza ero in macchina facciamo merenda le tabelline, poi avevo allenamento fino alle otto  e quindi mi trovavo a fare i compiti la sera.
Questa impronta mi ha portato ad avere dei risultati positivi. Sicuramente un grande aiuto mi è stato dato dal lockdown.”

Giulia, tu guidi ?
“Io ho fatto la patente in modo tradizionale al compimento dei 18 anni, poi ho rifatto la patente per prendere la S (speciale) con i comandi al volante, quindi guido tranquillamente quando arrivo sulla macchina smonto la carrozzina e la carico di fianco e vado …”

E se ti dico auto elettrica, sostenibilità…cosa ne pensi?
“L’elettrico potrà essere un punto di forza per l’ambiente che  sta soffrendo parecchio per l’inquinamento. Credo siano giusti anche tutti gli incentivi che momentaneamente stanno facendo sull’acquisto degli elettrici spero che in futuro comunque anche l’ambiente possa trarre vantaggi da questa cosa.”

Leggi tutti gli articoli della nostra rubrica MOTORI IN DIRETTA a firma di Silvia Terraneo (a questo link la sua pagina Instagram She Motori)

Condividi

Join the Conversation