Monza, stagione di grande prosa al Teatro Manzoni

È stata presentata a Monza la sezione «Grande Prosa» in programma al Teatro Manzoni per la stagione 2019/2020. In calendario otto spettacoli in abbonamento con Compagnie di rilevanza nazionale...

470 0
470 0

È stata presentata a Monza la sezione «Grande Prosa» in programma al Teatro Manzoni per la stagione 2019/2020. In calendario otto spettacoli in abbonamento con Compagnie di rilevanza nazionale e con artisti e progetti d’eccezione.

Qualità, denominatore comune. «La “Grande Prosa 2019/2020” si presenta particolarmente preziosa per l’importanza dei protagonisti coinvolti, con “big” del teatro come Giulia Lazzarini, Ugo Pagliai, Massimo Dapporto, attori che si muovono tra cinema e teatro come Preziosi o Boni e interessanti incursioni in prosa di artisti provenienti da altri percorsi artistici, come Ale & Franz, commenta il Direttore Artistico Paola Pedrazzini. Ma anche per l’esclusività degli spettacoli: ad esempio gli attesissimi debutti di stagione di “Arsenico e vecchi merletti”, “Romeo & Giulietta. Nati sotto contraria stella”, “Testimone d’accusa”, “Ditegli sempre di sì”, oltre agli spettacoli che vengono da una stagione di grande successo di critica e pubblico. La qualità artistica è il denominatore comune di un’offerta teatrale varia e articolata che propone grandi classici come Eduardo, Testori e Agatha Christie e le interessanti prove di drammaturgia contemporanea di Massini, Niccolini, Muscato e Cerami».

 La «Grande Prosa». La stagione inizierà in novembre con «Van Gogh- L’odore assordante del bianco» interpretato da Alessandro Preziosi che «terrà a battesimo» la «Grande Prosa», proseguirà con «Don Chisciotte» con Alessio Boni, mentre a dicembre è in programma «Arsenico e Vecchi merletti» con Giulia Lazzarini e Anna Maria Guarnieri. Il nuovo anno si aprirà all’insegna della nuova drammaturgia con «Romeo & Giulietta. Nati sotto contraria stella» con Ale & Franz e proseguirà con «Un borghese piccolo piccolo» di Cerami interpretato da Massimo Dapporto. A marzo è in programma «Testimone d’accusa», con Ugo Pagliai e Violante Placido. A seguire «I promessi sposi alla prova» di Testoridiretto da Andrée Ruth Shammah e per finire «Ditegli sempre di sì», nuova produzione della compagnia di Luca De Filippo.

Un patrimonio culturale. «La Stagione del Teatro comunale è il termometro dello stato di salute della cultura in città, spiega il Sindaco Dario AlleviLa forte attrazione esercitata dal Manzoni su grandi artisti e compagnie teatrali che arrivano da noi chiamati a lavorare in assoluta autonomia e indipendenza, sia dal punto di vista artistico che progettuale, è la prova di uno straordinario dinamismo culturale. Come lo è il pubblico appassionato e competente, sempre alla ricerca di stimoli nuovi. Per questo il Teatro Manzoni, come la Reggia o il Duomo è un patrimonio culturale della città di cui i monzesi dovrebbero andare orgogliosi».

Condividi
monza in diretta

Join the Conversation