Rapita e poi ritrovata: la piccola Neve è ritornata a casa

Capita spesso che vengano portati in canile animali trovati vaganti; capita più di rado che si scopra poi che dietro c'è una brutta storia di...


2074 0
2074 0

Capita spesso che vengano portati in canile animali trovati vaganti; capita più di rado che si scopra poi che dietro c’è una brutta storia di un vero e proprio furto. È quello che è successo alla dolcissima barboncina Neve: portata via dal giardino di casa sua in provincia di Milano circa 8 mesi fa, deve essere rimasta con chi l’ha rapita finché, molto probabilmente, è riuscita a fuggire.

Rinvenuta a Monza e portata al canile di Via San Damiano, la provvidenziale presenza del microchip ha permesso di risalire a Daniele, il suo vero proprietario che, contattato da ENPA, si è subito recato in canile per riabbracciare la sua cagnolina.

Inutile dire che l’incontro è stato commovente: Neve, dopo un primo momento di sconcerto, ha riconosciuto l’amatissimo padrone lasciandosi andare a tutte le feste possibili prima di tornare nella sua casa dove, tra l’altro, l’aspetta un altro barboncino che Daniele nel frattempo ha adottato.

ENPA ricorda che il ricongiungimento di Neve alla sua famiglia è stato possibile solo grazie alla presenza del microchip, obbligatorio in Italia. Ricorda inoltre che, nel caso venga trovato un animale vagante, occorre avvisare immediatamente la Polizia Locale o ENPA. Tenerlo con noi ci farebbe incorrere nel reato di appropriazione indebita.

Commenti