Volley, 3 a 1 per le monzesi nel test con Bergamo

Sensazioni positive, buon gioco e successo finale per la Vero Volley Monza femminile nel test match con la pari categoria Volley Bergamo 1991. Sul taraflex dell’Arena di Monza, l’ultimo allenamento...

275 0
275 0

Sensazioni positive, buon gioco e successo finale per la Vero Volley Monza femminile nel test match con la pari categoria Volley Bergamo 1991.

Sul taraflex dell’Arena di Monza, l’ultimo allenamento congiunto prima dell’inizio della Serie A1 femminile, fissato sabato 9 ottobre a Busto Arsizio, si chiude con una vittoria monzese per 3-1.

Per le rosablù, praticamente al completo a parte l’assenza di Moretto, l’approccio al confronto con le bergamasche è dei migliori, con una Mihajlovic lucida e precisa e Gennari e Van Hecke ad imitarla bene, grazie anche alla lucida regia di Orro, in attacco.

Nel secondo buona reazione di una Bergamo pimpante, brava a vincere il parziale con Lanier e Loda sugli scudi, mentre nel terzo nuovamente Vero Volley più efficace dai nove metri (Davyskiba scatenata con 5 ace finali di cui 4 consecutivi) e chirurgica dal centro con Zakachaiou, Danesi e Candi.

Nel quarto girandola di cambi da entrambe le parti, ma nuovamente Monza in evidenza forte delle accelerazioni di Stysiak, Lazovic. Ora per la squadra di Gaspari una domenica di riposo: si torna al lavoro lunedì, con una doppia seduta tra pesi e tecnica, per preparare l’esordio in campionato.

DICHIARAZIONE POST PARTITA
Brankica Mihajlovic (schiacciatrice Vero Volley Monza): “E’ stato un buon test per noi prima di cominciare il campionato con la prima giornata contro Busto Arsizio. Abbiamo lavorato tanto in questo ultimo periodo tra allenamenti congiunti e campo e credo che questo porterà i suoi frutti in futuro. Non vedo l’ora di iniziare sabato la nostra stagione. Cosa ha funzionato oggi? E’ davvero bello essere parte di questa squadra per me. C’è una bella atmosfera tra di noi, una bella alchimia: queste sono qualità che ci saranno d’aiuto lungo il cammino”.

Condividi

Join the Conversation