Seveso, arrestati quattro ladri d’appartamento

SEVESO – Quattro italiani, di cui due senza fissa dimora, sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Seregno. Si tratta di due 54enni, un 48enne e un 40enne,...

776 0
776 0

SEVESO – Quattro italiani, di cui due senza fissa dimora, sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Seregno. Si tratta di due 54enni, un 48enne e un 40enne, tutti volti noti alle forze dell’ordine, ritenuti responsabili, del reato di furto aggravato in abitazione, in concorso, e porto di strumenti atti all’effrazione.

La tempestiva segnalazione al 112 da parte di un cittadino che aveva visto due individui scavalcare la recinzione di una villetta, ha consentito ai carabinieri di Seregno, intervenuti con le pattuglie dei Carabinieri di Seveso e Verano Brianza, di arrestare nella flagranza di reato quattro soggetti.

I fatti sono avvenuti mercoledì, in piena notte, in via Eritrea a Seveso. All’arrivo delle pattuglie un 54enne e il 48enne, a bordo di un autocarro cassonato hanno provato ad allontanarsi venendo subito fermati dalla pattuglia, mentre, gli altri due complici, dopo aver scavalcato la recinzione hanno cercato di fuggire a piedi venendo a loro volta raggiunti e bloccati dagli altri militari.

Le successive perquisizioni hanno permesso agli operanti di rinvenire, all’interno del cassone, numerosi attrezzi da scasso nonché un monitor da PC poi risultato provento del furto commesso poco prima a Seveso.

L’immediato sopralluogo dei carabinieri, insieme al proprietario, ha poi consentito di rinvenire nel giardino parte della refurtiva che, i soggetti, non avevano fatto in tempo a caricare sull’autocarro, accertando altresì l’effrazione della porta d’ingresso. L’intera refurtiva è stata quindi recuperata e restituita dai Carabinieri al legittimo proprietario.

I quattro arrestati, su disposizione della Procura della Repubblica di Monza sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Compagnia di Seregno, per poi essere accompagnati presso il Tribunale di Monza dove, al termine di giudizio direttissimo e della convalida d’arresto, è stata disposta, per tutti, la misura della custodia cautelare in carcere.

Condividi

Join the Conversation