Monza, condannati diventano “assistenti pedonali”

MONZA – Gli agenti di Polizia Locale a Monza potranno essere affiancati, nel presidiare gli attraversamenti stradali, da persone con processi penali in corso o condannate con conversione...

354 0
354 0

MONZA – Gli agenti di Polizia Locale a Monza potranno essere affiancati, nel presidiare gli attraversamenti stradali, da persone con processi penali in corso o condannate con conversione della pena prese in carico dall’Associazione Familiari e Vittime della Strada (AFVS) nella veste di “assistenti pedonali”.

È quanto prevede il progetto “Ruote ferme, pedoni salvi”, oggetto di un protocollo d’intesa di durata triennale tra il Corpo di Polizia Locale di Monza e AFVS, approvato nei giorni scorsi dalla Giunta Comunale.

Due obiettivi. “Ruote ferme, pedoni salvi” ha un duplice scopo. Da un lato mira a garantire maggiore sicurezza stradale in città fornendo agli agenti di Polizia Locale personale di supporto per lo specifico compito di presidiare le strisce pedonali nei pressi degli istituti scolastici e quelle più critiche e pericolose per questioni di visibilità o luminosità.

Dall’altro rappresenta invece un’opportunità per tutte le persone che ricevono una condanna con conversione della pena, impegnandole in un’attività responsabilizzante e socialmente utile. Più nello specifico, si tratta di svolgimento di un rito alternativo (la cosiddetta Messa alla Prova) in sostituzione di pene detentive brevi (non superiori a tre anni) o parte integrante di un più ampio programma di trattamento elaborato nell’ambito di una misura alternativa.

L’assistente pedonale. Nello svolgimento del proprio ruolo, ad ogni utente preso in carico da AFVS, verranno fornite dall’Associazione una pettorina catarifrangente e una paletta con la dicitura “assistente pedonale”, elementi essenziali per svolgere il servizio, ma anche per visibilità e sicurezza degli addetti.

A occuparsi della formazione sarà la Polizia Locale, con un apposito addestramento rivolto alle persone prese in carico da AFVS, così come della turnazione degli operatori. Gli assistenti pedonali dovranno presidiare gli attraversamenti pedonali assegnati, invitando i conducenti ad arrestare il proprio veicolo e i pedoni ad utilizzare gli attraversamenti in modo corretto.

“Il progetto – afferma l’Assessore alla Polizia Locale – permette di garantire maggiore sicurezza stradale in città, inquadrando al contempo gli utenti presi in carico da AFVS in un percorso di accrescimento della cultura del bene pubblico che li vede fianco a fianco con la Polizia Locale nel prevenire gli incidenti stradali e nell’educare e sensibilizzare la collettività”.

Condividi

Join the Conversation