Corbetta (Lega): Lombardia umiliata dal Governo

Questo è un Governo che sta umiliando i lavoratori, gli imprenditori, i professionisti e gli agricoltori della Lombardia e di tutto il Nord produttivo”. Così Alessandro Corbetta, consigliere...

1162 0
1162 0

Questo è un Governo che sta umiliando i lavoratori, gli imprenditori, i professionisti e gli agricoltori della Lombardia e di tutto il Nord produttivo”. Così Alessandro Corbetta, consigliere regionale brianzolo della Lega interviene in merito alla ripartizione regionale dei fondi per la cassa integrazione, stanziati per far fronte alle ricadute economiche causate dall’emergenza Coronavirus.

“La Lombardia che ha più contagiati e vittime del resto del Paese, che ha 10 milioni di abitanti e da sola produce il 22% del PIL italiano, riceve per la Cassa Integrazione solo 198 milioni sul miliardo e 300 milioni stanziati dallo Stato. La parte del leone l’hanno fatta le regioni del Sud, nonostante il danno economico e i contagi non siano nemmeno lontanamente comparabili a quello che sta vivendo la nostra Regione: basti pensare che Sicilia, Campani e Puglia insieme avranno a disposizione oltre 315 milioni di euro”.

“Le nostre aziende e i nostri lavoratori– prosegue Corbetta – si trovano in difficoltà inimmaginabili e ricevono le briciole anche in un provvedimento che tutela la parte sociale più debole, quella dei lavoratori che rischiano il posto di lavoro per questa emergenza”.

“Non stanno meglio i nostri professionisti e le migliaia di partite Iva per le quali il governo ha promesso solo una mancetta ridicola di 600 euro. Così come il settore della ristorazione e del divertimento è in ginocchio. Il tessuto produttivo lombardo, che per 70 anni ha tenuto in piedi l’Italia con le proprie tasse, viene insultato da un governo incapace che usa i fondi della cassa integrazioni per procurare assistenzialismo e consensi al Sud. Questo governo ha nelle mani una responsabilità enorme: se farà morire economicamente la Lombardia, decreterà la fine del Paese”.

Foto di rottonara da Pixabay

Condividi

Join the Conversation