Il San Gerardo scelto per testare nuovo microscopio digitale

Il reparto di Oculistica dell’Ospedale San Gerardo di Monza è stato scelto per testare il nuovo microscopio digitale di Zeiss. L’avveniristico microscopio è un compendio di tecnologia, ovvero nuovo...

518 0
518 0

Il reparto di Oculistica dell’Ospedale San Gerardo di Monza è stato scelto per testare il nuovo microscopio digitale di Zeiss. L’avveniristico microscopio è un compendio di tecnologia, ovvero nuovo disegno delle ottiche, telecamere di registrazione in Full HD 4K, stereoscopica visione del campo operatorio in 3D su schermo dedicato di 55 pollici, sistema OCT (tomografia ottica computerizzata) integrato per una analisi tomografica intra-operatoria dell’occhio.

La digitalizzazione delle immagini operatorie permette ad esempio la riduzione dell’illuminazione e un aumento del contrasto, quindi la definitiva riduzione della fototossicità retinica/maculare legata all’azione chirurgica.

Inoltre, l’elaborazione digitale consente all’operatore di ottenere ingrandimenti del campo operatorio ed un contrasto delle immagini, superiore ai tradizionali mezzi ottici.

Un sistema di inter-connessione Cloud permette inoltre di visualizzare in tempo reale i parametri biometrici e i marker anatomici oculari all’interno del campo operatorio.

“Grazie anche agli slanci del nuovo corso di Oculistica che dirigo – sottolinea il primario dott. Coppola – resto affascinato dalle possibilità prospettate dall’utilizzo del nuovo apparecchio: il microscopio digitale, grazie alla tecnologia built in 3D, ben si integra sia al progetto di teaching per il team operatorio sia all’attività di insegnamento a distanza via streaming, esperienza consolidata per la nostra Unità di Oculistica. Il prossimo importante appuntamento è il 19 giugno, per la live surgery in occasione del virtual meeting Retina Forum 2020 di Esaso in Lugano, dove il nostro centro si confronterà con colleghi di altri centri europei su tematiche di chirurgia vitreo-retinica”.

“Gli allievi di oggi saranno i chirurghi di domani ed è verosimile che una buona preparazione sarà garanzia di un corretto agire nel teatro operatorio – sottolinea il Direttore Generale della Asst di Monza Mario Alparone -. Grazie anche all’innovazione tecnologica la scuola di chirurgia aiuterà a crescere e a selezionare i futuri rincalzi dell’équipe chirurgica stessa”.

Condividi

Join the Conversation