Firmato il protocollo: si potrà sciare

Via libera agli impianti e agli sciatori sulle piste innevate. E’ stato infatti firmato il protocollo per la riapertura degli impianti sciistici dalla Federazione Italiana Sport Invernali (Fisi),...

237 0
237 0

Via libera agli impianti e agli sciatori sulle piste innevate. E’ stato infatti firmato il protocollo per la riapertura degli impianti sciistici dalla Federazione Italiana Sport Invernali (Fisi), dall’Associazione Nazionale Esercenti Funiviari, da Federfuni, dall’Associazione Maestri di Sci Italiani e dal Collegio nazionale dei maestri.

“È la giusta direzione per riportare il turismo sulle nostre montagne in piena sicurezza sia per gli operatori del settore sia per l’utenza.” Soddisfatto Alex Galizzi, consigliere regionale del Carroccio e membro della Commissione speciale Montagna di Regione Lombardia.

“Da febbraio, quando il Presidente Fontana ha firmato l’ordinanza per la riapertura degli impianti in forma ridotta al 30%, a oggi con la previsione dell’80% della capienza ci stiamo avvicinando alla normalità per il turismo lombardo”, spiega Galizzi. “Entro l’inverno puntiamo, visto l’elevata percentuale di vaccinazioni, di poter ottenere il massimo consentito che garantirebbe agli operatori della nostra montagna di offrire i servizi a cui siamo abituati da decenni. E parliamo di un settore che ha portato da sempre un notevole indotto economico, lavorativo e sociale per l’intero Paese non solo per le regioni alpine.”

“La montagna riparte. L’adozione del protocollo per la riapertura delle aree sciistiche è una notizia importante, una vera e propria boccata d’ossigeno per un settore strategico per l’economia lombarda e nazionale”. Così l’assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, Lara Magoni commenta la firma del protocollo per la riapertura delle aree sciistiche e per l’utilizzo degli impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici a favore degli sciatori non agonisti e amatoriali.

“Il mondo della montagna ha subito più di tutti, con la chiusura repentina e inaspettata del 14 febbraio 2021. Dopo mesi di difficoltà, finalmente torna la speranza per migliaia di famiglie ed imprenditori. Riaprire in totale sicurezza è fondamentale per garantire un servizio ottimale alla clientela. Per la Lombardia si tratta di un comparto fondamentale: il 40% del nostro territorio è costituito da montagne e riprendere l’attività significa dare nuova linfa all’economia dei territori, al turismo e all’indotto. Desidero infine complimentarmi con tutte le realtà che vivono di montagna: un mondo che si è dimostrato ancora una volta compatto, resiliente e capace di guardare al futuro con immutato ottimismo. Mi auguro che il Governo lavori affinché vi sia garanzia di apertura”, ha aggiunto Lara Magoni.

Condividi

Join the Conversation