Fatture false: sequestro preventivo per società brianzola

I Militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Seregno hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Tribunale di Monza, su richiesta della locale Procura...

561 0
561 0

I Militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Seregno hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Tribunale di Monza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di una società con sede a Giussano, operante nel recupero di cascami e rottami metallici, finalizzato alla confisca di denaro e altre disponibilità finanziarie per oltre 700.000 euro.

Le indagini – svolte attraverso indagini finanziarie, riscontri documentali e contabili, lo sviluppo di plurime segnalazioni di operazioni sospette antiriciclaggio – hanno appurato l’utilizzo, da parte della società brianzola, di fatture false per 1,5 milioni di euro emesse da altri soggetti giuridici lombardi, costituenti delle vere e proprie società di comodo, senza struttura organizzativa e mezzi.

I costi fittizi sono così confluiti nelle dichiarazioni dei redditi per gli anni di imposta 2016 e 2017, consentendo alla società di rottami il conseguimento di un illecito risparmio d’imposta, con un minor carico fiscale ai fini delle imposte dirette.

Conseguentemente, il rappresentante legale, soggetto residente a Seregno, già con specifici precedenti penali per l’utilizzo e l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, veniva deferito alla Procura della Repubblica di Monza per la presentazione di dichiarazioni fraudolente.

Condividi

Join the Conversation