Buona Pasqua, buon “passaggio” a tutti

di Stefano Richichi – Buona Pasqua, buon “passaggio” a tutti. Attraverso questi giorni difficili, attraverso le nostre stesse coscienze, verso un mondo nuovo. Perché il viaggio maggiore e...

219 0
219 0

di Stefano Richichi – Buona Pasqua, buon “passaggio” a tutti. Attraverso questi giorni difficili, attraverso le nostre stesse coscienze, verso un mondo nuovo. Perché il viaggio maggiore e il passo più grande non è quello che si intraprende in un altro continente ma quello in noi stessi. E per quello non servono biglietti, per quello non serve vigliaccamente e insensatamente uscire, non tanto violando le regole sanitarie ma quelle della decenza e della razionalità, del bene pubblico e del rispetto nei riguardi dei più deboli.

Un passaggio verso una crescita di noi singoli attraverso un miglioramento interiore e nel raffrontarci con i vicini e la società, prima di chiedere al mondo in primis di cambiare, autoescludendoci così da una ineluttabile e preventiva iniziativa in questo senso di noi stessi. Un passaggio a capire che non siamo alcunché da soli ma esistiamo per Altro, se non tuffati, immersi in dei laici altri – visto che il peggiore dei peccati celesti o degli egoismi umani è la presunzione, l’egocentrismo.

Un passaggio verso una Rinascita reale, che stavolta, prima che fisica e sociale, deve essere interiore per ognuno, visto che siamo andati troppo oltre e ancora lo stiamo facendo, appresso a egoismi e sopraffazione riguardo i nostri simili, l’ambiente e magari Iddio.

Un domani non troppo lontano, magari oggi stesso, sarà diverso se vogliamo, se ci impegniamo. La Passione quest’anno la abbiamo rivista non solo nella Fede, ma in tante notizie e immagini.

Pazientiamo ancora un attimo, cosa occorre? In fondo siamo nel tempo, no? E riflettere su come usarlo poi al meglio non significa sprecarlo frattanto.

Che ben presto così ci possa sorprendere non solo una stagione daccapo fiorente e scherzosa fra cieli e prati, ma una Vita sul serio nuova – nel miracolo di essere ancora una volta questa rinata in se stessa antica e diversa – per noi e il mondo attorno. Una volta per tutte.

Foto di RitaE da Pixabay

Condividi

Join the Conversation