Autodrum che spass! La poesia di Stefano Mauri

Una poesia in lingua locale dedicata dal monzese Stefano Mauri all’autodromo del capoluogo brianzolo e poi pubblicata in un video sulla pagina Facebook “La Casa della Poesia di Monza”....

348 0
348 0

Una poesia in lingua locale dedicata dal monzese Stefano Mauri all’autodromo del capoluogo brianzolo e poi pubblicata in un video sulla pagina Facebook “La Casa della Poesia di Monza”.

 Autòdrum che spàss !
Nel Parco de Mùnscia, gh’è una strada
che Autòdrum l’hann ciamàda;
l’è una pista lunga e larga
e i màcchin in gara la renden culurada:
gh’è ùl rúss de la Ferrari e quel de l’Alfa,
èl giáld, èl vérd, èl négher de la Lotus
e l’argént de la Mercedes.
Bisogna dìll, tùcc vùrarian vìnc,
però bisogna avègh ànca cavìcc!
A guardai ta fé fadìga,
pàssan via a tutta velocità,
appèna appèna, ta védat i culùr,
ma de sicùr ta séntat un gran rumùr.
L’emuziùn l’è granda, l’è una roba indescrivibil,
la comincia cunt i öcc e cunt i ùrecc,
per finì in del cör, ma che bèll …
quant sul podio arriva un tò fradèll.

Autòdromo che emozione!
Nel Parco di Monza c’è una strada
che è stata chiamata Autòdromo,
è una pista lunga e larga
e le auto che gareggiano la rendono colorata:
c’è il rosso della Ferrari e quello dell’Alfa Romeo,
il giallo, il verde, il nero della Lotus
e l’argento della Mercedes.
Bisogna ammetterlo, tutti vorrebbero vincere,
però bisogna avere anche fortuna!
A vederli è difficoltoso;
passano a grande velocità,
appena appena si vedono i colori,
ma sicuramente senti un gran rumore.
Grande è l’emozione, tant’è che è indescrivibile,
ha inizio con gli occhi e le orecchie,
per finire nel cuore, ma che bello …
se poi sul podio arriva il tuo corridore.

 

Condividi

Join the Conversation