Arcore raddoppia con la vasca volano al Roccolo

La settimana prossima i lavori di BrianzAcque per la cantierizzazione  dell’attesa  vasca volano alla frazione Roccolo. Un’importante opera anti-allagamento che va ad aggiungersi a quella “gemella” di Val...

239 0
239 0

La settimana prossima i lavori di BrianzAcque per la cantierizzazione  dell’attesa  vasca volano alla frazione Roccolo. Un’importante opera anti-allagamento che va ad aggiungersi a quella “gemella” di Val Fazzola,  realizzata due anni fa.

La funzione del nuovo invaso, dotato di un volume di 16 mila metri cubi,  è quella di laminare le acque di piena del Rio Molgorana che provengono dai comuni di Camparada, Correzzana e Casatenovo per poi rilasciarle gradualmente quando l’ondata di maltempo sarà terminata. L’intervento è stato illustrato in tutti i suoi dettagli nel corso di un’assemblea pubblica che si è svolta nelle Scuderie di villa Borromeo.

Quasi 2 milioni il costo dell’infrastruttura, di cui uno finanziato da Regione Lombardia e la restante parte da Ato (Ambito Territoriale Ottimale) di Monza e Brianza con i fondi provenienti dalla tariffa del Sistema Idrico Integrato. Secondo le stime del settore Progettazione e Pianificazione della monoutility dell’idrico brianzolo,  che ha effettuato le  indagini e messo a punto il progetto, i lavori, ai confini di Arcore con Usmate,  avranno una durata di nove mesi e si concluderanno nel giugno 2020.

La presentazione della nuovo invaso del Roccolo è stata in realtà anche l’occasione per affrontare a tutto tondo il tema del mutamento climatico, del riscaldamento globale, degli effetti impattanti sui territori e sulle popolazioni, delle azioni e delle politiche di adattamento intraprese e da intraprendere.

Non fa eccezione la Brianza, zona tra le più urbanizzate e cementificate d’Italia, alle prese con  problemi di esondazioni e allagamenti dovuti a piogge sempre più intense e concentrate in poco tempo che si riversano in fognature non concepite per accogliere masse di  acque meteoriche di portata così consistente. “Quasi metà dei comuni brianzoli soffre di queste criticità – ha rivelato il presidente e Ad di Brianzacque, Enrico Boerci – Noi, rifiutando una logica emergenziale, abbiamo individuato le vasche volano quale antidoto su cui investire per far fronte al climate chance. Sette sono in funzione, una è in dirittura di arrivo e tre in avvio con un obiettivo finale: toccare quota 150. Come avvenuto ad Arcore, è però necessaria un’alleanza virtuosa tra tutti gli enti coinvolti e su più fronti, solo così facendo squadra si affrontano e si vincono le sfide, comprese quelle di dar vita a un green new deal ”.

Un concetto sui cui è intervenuto anche Davide Fossati, dirigente dell’unità organizzativa difesa del Suolo di Regione Lombardia: “La Regione ha da tempo elaborato strategie di adattamento al cambiamento climatico tenendo come riferimento due parole chiave, una è laminare, l’altra è gestire. Un altro apporto di grandissima importanza è rappresentanto dal regolamento varato per il rispetto dei principi di invarianza idraulica e geologica delle acque meteoriche non contaminate,  che detta una nuova disciplina per le nuove costruzioni e per le ristrutturazioni di quelle esistenti e per le infrastrutture stradali”.

Nella progettazione dell’opera si è tenuto conto dell’inserimento della stessa in un contesto ambientale ottimale  con percorsi a fruibilità ciclabile e collinette relax artificiali.

Condividi
monza in diretta

Join the Conversation