Vimercate: studio sui danni polmonari da Covid

L’ospedale di Vimercate collaborerà a una ricerca sui danni polmonari causati dal Covid-19. La ricerca è stata autorizzata dal Comitato Etico di Monza e Brianza: si tratta di uno...

297 0
297 0

L’ospedale di Vimercate collaborerà a una ricerca sui danni polmonari causati dal Covid-19. La ricerca è stata autorizzata dal Comitato Etico di Monza e Brianza: si tratta di uno studio osservazionale sui danni generati dalle polmoniti SARS-CoV 2: è multicentrico e coinvolge sei strutture pneumologiche lombarde, coordinate dall’Università degli Studi di Milano Bicocca.

Una di esse è la Pneumologia dell’Ospedale di Vimercate, diretta da Paolo Scarpazza, che ha selezionato 60 pazienti con polmonite interstiziale bilaterale, ricoverati nella struttura di Pneumologia di via Santi Cosma e Damiano, durante la pandemia e regolarmente dimessi al domicilio.

Il gruppo di pazienti arruolati (sono 360 quelli selezionati complessivamente dalle strutture coinvolte nella ricerca di Bicocca) sono stati compresi in tre sottogruppi, suddivisi per gravità della patologia e trattamento: pazienti che hanno avuto necessità della sola ossigenoterapia; malati per cui è stata necessaria la ventilazione con casco, associata ad ossigeno ad alti flussi; pazienti, infine, trasferiti in Rianimazione con necessità di intubazione e ventilazione meccanica invasiva.

“Il programma – spiega Scarpazza – prevede una valutazione specialistica pneumologica, il controllo radiologico del torace, associato a test di funzionalità respiratoria (spirometria, diffusione dell’alveolo capillare e test del cammino) a sei mesi circa dalla dimissione. Gli esami andranno ripetuti a distanza di un anno, con una Tac del torace ad alta risoluzione”.

Lo scopo dello studio?
“Osservare – aggiunge il primario della Pneumologia dell’ASST di Vimercate – se e in che misura la polmonite bilaterale da Covid abbia determinato esiti permanenti, con compromissione della funzionalità respiratoria. Di qui la necessità per i pazienti di un monitoraggio nel tempo”.

Condividi

Join the Conversation