Cuore brianzolo, ventilatori polmonari donati al San Gerardo

Venti dei quaranta ventilatori polmonari collegati ai nuovi posti letto allestiti al 4o piano della palazzina accoglienza dell’ospedale San Gerardo di Monza, riconvertito in terapia intensiva, arrivano dalla...

3198 0
3198 0

Venti dei quaranta ventilatori polmonari collegati ai nuovi posti letto allestiti al 4o piano della palazzina accoglienza dell’ospedale San Gerardo di Monza, riconvertito in terapia intensiva, arrivano dalla donazione della Famiglia Fumagalli, Aldo, Beppe, Laura e Lella Fumagalli. (già proprietari della Candy, storica azienda di elettrodomestici, recentemente acquisita dal colosso cinese Haier).

La consegna dei ventilatori polmonari al San Gerardo di Monza

La consegna è avvenuta oggi pomeriggio grazie alla Protezione Civile di Monza. Il Direttore Generale della ASST di Monza, Mario Alparone: “Ringrazio con affetto la Famiglia Fumagalli che ha personalmente acquisito i ventilatori in Cina e li ha fatti arrivare fino al nostro ospedale. Un gesto di solidarietà e di amicizia straordinario”.

La Brianza si sta stringendo attorno ai suoi ospedali, il San Gerardo di Monza e il presidio di Desio: sono circa di 1,8 milioni di euro le donazioni giunte dal territorio a cui si sommano quelle giunte in dotazioni tecnologiche e di dispositivi di protezione. Si ricorda che i posti letti di terapia intensiva dedicati ai casi di Coronavirus della ASST di Monza sono oltre 100, collocando l’azienda ai primissimi posti della regione Lombardia.

Il sindaco di Monza, Dario Allevi si unisce ai ringraziamenti del Direttore Generale: “Ormai non si contano più le iniziative di solidarietà e generosità che arrivano dal territorio. La nostra comunità sta confermando di avere un cuore immenso e questo non lo dimenticherò mai. Grazie ad Aldo, Beppe Laura e Lella, amici e imprenditori illuminati, per questa donazione che permetterà a tante persone di sconfiggere questo maledetto virus”. “Abbiamo cercato di dare un aiuto concreto per essere di supporto all’unità più critica dell’Ospedale San Gerardo di Monza in questo momento”, aggiunge la Famiglia Fumagalli.

Condividi

Join the Conversation