Piccoli di capriolo e cervo: guardare e non toccare

La fine della primavera coincide con la stagione dei parti di capriolo e cervo. In questo periodo può capitare di imbattersi, nell'erba alta di un...


315 0
315 0

La fine della primavera coincide con la stagione dei parti di capriolo e cervo. In questo periodo può capitare di imbattersi, nell’erba alta di un prato o nel fitto del bosco, in un cucciolo nato da poco, che non reagisce alla presenza dell’uomo e che può sembrare abbandonato. Ma non è così.

Gli animali stanno bene e nei primi giorni di vita questo comportamento istintivo li mette al riparo dal rischio di essere predati.

Per garantire la loro sopravvivenza non bisogna toccarli, ma lasciarli dove sono e allontanarsi rapidamente, così la madre può tornare ad accudirli.

Se li tocchiamo e lasciamo loro addosso il nostro odore la madre, che si è allontanata solo temporaneamente, al suo ritorno può non riconoscerli più e, a questo punto, abbandonarli.

Commenti