Ospedale di Vimercate, cane va a visitare il suo padrone

Una storia di relazione e amicizia che arriva dall’ospedale di Vimercate, a testimonianza del rapporto particolare e straordinario che può crearsi tra l’uomo e il suo cane. La...

1377 0
1377 0

Una storia di relazione e amicizia che arriva dall’ospedale di Vimercate, a testimonianza del rapporto particolare e straordinario che può crearsi tra l’uomo e il suo cane.

La Direzione Medica dell’Ospedale vimercatese ha consentito, qualche giorno fa, l’accesso in Rianimazione di un animale d’affezione (come si dice in gergo), un cane. Il suo padrone infatti è degente e sottoposto ad un trattamento delicato presso il reparto. L’uomo è un ultra ottantenne, con una severa patologia neurologica.

I due sono profondamente legati, stanno sempre insieme, vivono quasi in simbiosi. Allora gli operatori sanitari e la moglie del paziente ne parlano e si decide di portargli l’animale: così, per tenergli compagnia, per aiutarlo a far fronte alla crisi che l’ha portato in rianimazione. Qualche minuto, non di più, ma quanto basta.

E’ stato bellissimo, commovente, dicono gli operatori: non era mai successo prima.

L’accesso degli animali da compagnia in via Santi Cosma e Damiano è regolamentato da un documento che prevede il loro accesso nel presidio ospedaliero soltanto nelle aree destinate all’accoglienza, alla prenotazione e all’accettazione. “Però nel caso specifico era più che meritata una deroga, vista la relazione e l’affezione tra i due e la situazione del paziente”, spiega Milena Caglio, Direttore Medico di Presidio.

“Assicurare la continuità della relazione empatico-affettiva tra i degenti e i loro animali; generare dalla presenza degli animali un effetto motivazionale utile a superare le difficoltà del paziente”: sono gli obiettivi che, in proposito, riconoscono gli specialisti.

Naturalmente il cane che è stato accanto al suo padrone per qualche tempo è “in regola e a posto” dal punto di vista sanitario. Di più: è stato toelettato, per l’occasione, e anche ben spazzolato.

Condividi

Join the Conversation