Seregno e Caratese: ecco le loro avversarie

di Cristiano Comelli – Una punta a consolidare la sua tranquillità, l’altra a tenersi in vetta lasciando lontano il Crema. Folgore Caratese e Seregno ritornano in campo dopo...

300 0
300 0

di Cristiano Comelli – Una punta a consolidare la sua tranquillità, l’altra a tenersi in vetta lasciando lontano il Crema. Folgore Caratese e Seregno ritornano in campo dopo le rispettive buone vendemmie nel girone A e nel B del turno di Epifania rispettivamente contro Fossano (2-1) e Caravaggio (1-0).

FOLGORE CARATESE

La compagine di Emilio Longo è reduce appunto dalla prima posta piena stagionale contro la Fossanese (2-1) e seconda negli ultimi quattro turni che si sono conclusi sempre con risultati utili. I punti, ora, per la pattuglia di Emilio Longo, sono 14 e valgono la dodicesima piazza. E, prima di concedersi alla trasferta sul terreno di una Sanremese ultimamente un po’ a corto di fiato con due stop di fila ma comunque nona con 17 punti, il tecnico si coccola ancora un po’ il successo contro i cuneensi.

“Riuscire a ribaltare il risultato da uno svantaggio di 0-1 non era semplice – ha dichiarato – sapevamo che la Fossanese è brava a sfruttare le palle inattive, abbiamo subito un gol dopo una mezz’ora in cui avevamo giocato soltanto nella loro metacampo ed è onestamente la prima volta che mi capita ma siamo stati davvero bravi a riprenderla, la squadra ha saputo reagire bene in una situazione non facile e sta ritrovando certi equilibri”. E adesso, appunto, domenica 10 gennaio alle 14.30 arriva l’impegno in terra ligure contro la Sanremese con l’imperativo , per Valagussa e compagni, di proseguire la striscia positiva . La sfida sarà diretta dal signor Andrea Terribile della sezione di Bassano del Grappa.

SEREGNO

Il 2021 è partito in modo scoppiettante con una vittoria sul terreno del Caravaggio, la settima stagionale a fronte di sole tre sconfitte. Il Seregno capolista del tecnico ex Piacenza Arnaldo Franzini punta ora a proseguire il filotto buono e soprattutto a tenersi a distanza il Crema da cui lo separano due punti, ventuno contro diciannove. Nel mirino vi è un ritorno alla serie C che la compagine brianzola attende dal 1981-82, anno n cui scese dalla C2 dopo essere giunta al diciassettesimo posto.

Domenica 10 gennaio alle 14.30, al “Ferruccio”, arriva una cliente tutto pepe ovvero quel Nibionno-Oggiono che non gira a vuoto da ben otto turni. Franzini non potrà contare sull’apporto dello squalificato Borghese. L’incontro sarà diretto dal signor Cosimo Delli Carpini della sezione di Isernia.

Foto dalla pagina Facebook del Seregno Calcio

Condividi

Join the Conversation