Sport e Cultura, a Monza un bando per i ragazzi

MONZA – Sono destinanti ad una piena ripartenza delle attività del tempo libero le risorse stanziate ieri dalla Giunta Comunale con il bando “Ragazzi noicisiAMO!”. Un occhio di...

390 0
390 0

MONZA – Sono destinanti ad una piena ripartenza delle attività del tempo libero le risorse stanziate ieri dalla Giunta Comunale con il bando “Ragazzi noicisiAMO!”.

Un occhio di riguardo agli adolescenti. Un contributo di 300.000 euro ai quali si aggiungono i fondi raccolti durante i mesi dell’emergenza sanitaria attraverso il conto corrente aperto in Comune saranno dunque destinati ai cittadini monzesi dagli 11 ai 16 anni, una delle fasce maggiormente colpite dagli effetti delle restrizioni: la didattica a distanza e l’interruzione delle attività sportive e ricreative hanno comportato, infatti, un’interruzione delle relazioni e degli scambi interpersonali, elementi fondamentali per la crescita equilibrata dei ragazzi.

Modalità e requisiti. Il contributo massimo per ciascun ragazzo sarà di 200 euro per l’iscrizione ad attività culturali, ricreative e sportive presso Associazioni, Società Sportive, Enti o Cooperative che operano sul territorio di Monza che – in qualità di soggetti erogatori della prestazione – riceveranno direttamente il contributo comunale.

La famiglia che richiede il contributo “Ragazzi noicisiAMO!” dovrà avere presentato una dichiarazione dei redditi 2020 (a valere per l’anno 2019) riferita all’intero nucleo familiare non superiore a 30.000 euro.

In caso di famiglie con più figli, sarà erogato un contributo per ciascuno dei minori.

“Una vera ripresa non può che partire dalle famiglie – spiega il Sindaco Dario Allevi al termine dell’ultima assemblea di Giunta dell’anno – e in particolare da quei ragazzi che troppo a lungo sono state rinchiusi in casa davanti allo schermo di un computer: vogliamo offrire loro l’opportunità di uscire e tornare a stare insieme”.

Il bando sarà pubblicato online sul sito www.comune.monza.it non appena saranno riaperte tutte le attività culturali, ricreative e sportive per consentire alle famiglie una scelta in piena libertà: “Contiamo così di dare una mano anche alle tante associazioni del territorio che per mesi hanno dovuto bloccare corsi e attività e che saranno chiamate alla grande sfida della ripartenza”, ha aggiunto il Sindaco.

Condividi

Join the Conversation