Monza Family per migliorare il rapporto figli genitori

Il Comune di Monza finanzia due progetti per sostenere i genitori e migliorare il rapporto con i figli, in particolare nella fase adolescenziale e in quella dei bimbi...

146 0
146 0

Il Comune di Monza finanzia due progetti per sostenere i genitori e migliorare il rapporto con i figli, in particolare nella fase adolescenziale e in quella dei bimbi fino a 3 anni di età. Il bando di co-progettazione “Monza Family” che si è chiuso lo scorso 4 novembre, ha ammesso infatti al finanziamento i progetti presentati da «Carrobiolo 2000» di Monza e da «Diapason» di Milano.

Entrambi i progetti sono relativi all’area «Famiglia e minori» prevista dal bando insieme alle altre due, «Invecchiamento attivo» e «Persone con disabilità risorse per la comunità». «Ciò si spiega – dichiara l’Assessore alle Politiche Sociali Désirée Merlini – con il fatto che anziani e diversamente abili sono due aree già “coperte” e monitorate dal sistema del welfare cittadino, formato da pubblico e privato. C’è, invece, un bisogno che forse non è ancora completamente emerso: quello di “diventare” buoni genitori. Per noi la famiglia è al centro e lo “strumento” per raggiungere questo obiettivo è il progetto “Monza family friendly”, cioè una piattaforma per condividere e progettare le politiche sociali insieme a privati e associazioni per rendere la città sempre più a misura di famiglia».

Il progetto presentato da «Carrobiolo 2000» ha ottenuto 91,5 punti. Al secondo posto «Diapason» con 80 punti. «Si tratta di due idee – spiega l’Assessore – con un obiettivo comune: supportare i genitori nel loro compito formativo e accompagnarli, fornendo le fondamenta educative essenziali e indispensabili per una buona crescita dei figli. Questi due progetti innovativi miglioreranno le competenze dei genitori di bambini piccoli, fino a tre anni, e di adolescenti, le età più difficili. Non si impara a diventare genitori “a tavolino”, ma una bussola è determinante per orientare mamma e papà in una società così liquida come la nostra».

«Lessico Familiare» è il progetto presentato da «Carrobiolo 2000» insieme a Consorzio «Ex.it», «Antes», Cooperativa Edilizia «San Donato Casa» e «Officine Libra». «I like Family» è, invece, il nome di quello presentato da «Diapason» in partnership con «Genitori si diventa» e «Anteo». A supporto dei genitori sono previsti percorsi di ascolto e confronto con esperti, mentre i minori saranno coinvolti in attività di sostegno allo studio, ludico-ricreative, sportive, di sviluppo dell’identità e del senso d’appartenenza. Le azioni si rivolgono principalmente alle famiglie e ai minori del quartiere Regina Pacis – San Donato, ma entrambi prevedono anche iniziative rivolte alla città intera.

Per i progetti presentati da «Carrobiolo 2000» e da «Diapason» si apre adesso la fase di co-progettazione con il Comune di Monza che si concluderà verso la fine del mese di marzo. Ad aprile i progetti, di durata biennale, diventeranno operativi. Il finanziamento messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale è di circa 20 mila euro per ciascun progetto. Non sono, invece, stati ammessi alla fase di co-progettazione i progetti presentati da: «Ippocampo» di Vimercate, «Asd Ascot Triante» di Monza, «Eos» di Carate Brianza e «Sociosfera» di Seregno.

Condividi
monza in diretta

Join the Conversation