Maroni: “Regione sempre impegnata per F1 e Parco di Monza”

"Regione Lombardia sempre impegnata per la gara di Formula 1 e per il Parco di Monza", lo ha detto il Presidente Roberto Maroni, questa mattina,...


1137569496_0
920 0
920 0

“Regione Lombardia sempre impegnata per la gara di Formula 1 e per il Parco di Monza”, lo ha detto il Presidente Roberto Maroni, questa mattina, all’Autodromo nazionale di Monza, alla presentazione del Gran Premio d’Italia che si svolgerà domenica 3 settembre. “Due anni fa Milano ospitò l’Expo e, in quella occasione, davanti al Padiglione Lombardia, mettemmo una Ferrari e lanciammo una raccolta-firme per salvare la Formula Uno a Monza, perché in quel momento c’era il rischio che Monza perdesse il Gran Premio. Raccogliemmo migliaia di firme: fu l’inizio dell’impegno della Regione per salvare il Gran Premio, perché Monza è Monza”.

Vittoria della tradizione – “Per noi non c’era alternativa: non era solo un fatto locale, solo di interesse regionale – ha spiegato Maroni -, era la tradizione e la vittoria di Monza andava ben oltre il circuito di Formula Uno. Da lì cominciarono una serie di iniziative, che portarono al risultato che oggi possiamo festeggiare: il rinnovo della assegnazione a Monza del Gran Premio di Formula Uno. Vincemmo anche la resistenza e l’iniziativa un po’ strampalata, in Italia, di qualche circuito che non ha nulla a che vedere con Monza. Alla fine ce l’abbiamo fatta ed è una grande soddisfazione per noi”.

Nel bilancio regionale 15 milioni per il Gran Premio – “La Regione ha contribuito anche concretamente però – ha sottolineato il presidente -: nella legge di bilancio 2017-19 abbiamo messo a disposizione dell’Automobile Club per il Gran Premio 15 milioni di euro, cinque all’anno. A questi si aggiunge l’intervento ancora più significativo per il Parco di Monza, eccellenza a livello europeo, quindi con i Comuni di Monza e Milano abbiamo deciso di investire molte risorse, per elevarne ulteriormente il prestigio”

Regione Lombardia presente – “Regione Lombardia c’è – ha concluso Maroni – come ha sempre dimostrato con grande concretezza”.

Commenti