Al Saugella Monza la Coppa Pont Saint Martin 2017

Le ragazze del Saugella Monza si aggiudicano la Coppa “Pont Saint Martin 2017”. Nella prima edizione dell’evento promosso dal Volley Montanaro in collaborazione con Pallavolo Borgofranco e Volley Pont Saint...


pont saint martin
355 0
355 0

Le ragazze del Saugella Monza si aggiudicano la Coppa “Pont Saint Martin 2017”. Nella prima edizione dell’evento promosso dal Volley Montanaro in collaborazione con Pallavolo Borgofranco e Volley Pont Saint Martin la prima squadra femminile del Consorzio Vero Volley ha avuto ragione su un’ostica Sab Volley Legnano, piazzando alle pari categoria un convincente 3-0. Gara molto equilibrata, con le brianzole che hanno potuto provare per la prima volta dall’inizio il nuovo assetto con Hancock in regia e Dixon al centro. Le legnanesi hanno subito l’ottimo turno al servizio di Devetag e le accelerazione brianzole nei finali di set.

Nonostante le assenze da entrambe le parti, la gara si è chiusa con estrema soddisfazione per il pubblico di casa, intervenuto numeroso per ammirare da vicino il grande volley di Serie A1 femminile. Nel pomeriggio, inoltre, c’è stato grande fermento per la visita delle due giocatrici del Saugella Team Monza, Serena Ortolani e Chiara Arcangeli, all’incontro con i ragazzi delle scuole di Montanaro, presso la palestra di Strada Vallo. Un’incredibile occasione per i piccoli e giovani atleti di poter incontrare due giovani atlete e mamme, colta prontamente dagli appassionati di pallavolo del posto. Durante questo appuntamento il Volley Montanaro ha premiato le due atlete con il premio “Mamme Saugella”. Queste attività sono state rese possibili grazie all’ingresso del Volley Montanaro nel circuito del Vero Volley Network, fortemente voluto dalla realtà valdostana con l’intento di ampliare il raggio di opportunità per la società sportiva stessa ed i ragazzi delle varie formazioni biancorosse.

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA
Francesca Devetag (centrale Saugella Team Monza):
 “Siamo soddisfatte della prova di oggi. Abbiamo giocato con una nuova palleggiatrice, ridefinendo il gioco. Ci vorrà del tempo per trovare le soluzioni giuste ma siamo sicuramente sulla buona strada. Dal punto di vista del carattere, invece, già abbiamo dimostrato di essere un osso duro, facendo nostro un gioco, il secondo, dopo un lungo punto a punto chiuso ai vantaggi. Rispetto alle uscite precedenti il servizio ha funzionato meglio e la difesa è stata solida. Muro e gestione dei palloni difficili dovranno essere i prossimi obiettivi su cui migliorare. Complessivamente, però, per essere la prima uscita con questo nuovo assetto, credo sia andata bene. Sicuramente la vittoria di questo trofeo ci carica maggiormente per affrontare al meglio l’ostico torneo che ci aspetta a Chiavenna nel weekend”.

 

Commenti