Monza, partita la campagna per l’ispezione delle caldaie

Circa 2 mila ispezioni alle caldaie sono state programmate dall’Ufficio Ambiente del Comune di Monza, nell’ambito della campagna di ispezione degli impianti termici esistenti. Compito degli...


monza caldaie
139 0
139 0

Circa 2 mila ispezioni alle caldaie sono state programmate dall’Ufficio Ambiente del Comune di Monza, nell’ambito della campagna di ispezione degli impianti termici esistenti. Compito degli ispettori sarà quello di verificare l’osservanza delle norme sui consumi energetici, manutenzione e sicurezza.

Ecco i criteri in base ai quali verranno ispezionate le caldaie: impianti autonomi e centralizzati non dichiarati, ovvero impianti di climatizzazione inferiori o superiori ai 35 Kw di cui non è pervenuta, tramite il Catasto Unico Regionale Impianti Termici (CURIT), la Dichiarazione di Avvenuta Manutenzione e gli impianti inferiori o superiori ai 35 Kw dichiarati ma risultanti potenzialmente pericolosi oppure non rispettanti la normativa tecnica vigente.  Le verifiche saranno svolte in seguito all’invio ai responsabili degli impianti dell’avviso d’ispezione in cui sono indicati il nome dell’ispettore, la data e l’ora dell’ispezione. Durante l’ispezione sarà necessaria la presenza del Responsabile dell’impianto munito di tutta la documentazione a sua disposizione da sottoporre all’ispettore. L’ispettore, al termine del sopralluogo, rilascerà un verbale con l’indicazione di eventuali adeguamenti da effettuare. Al responsabile dell’impianto non sarà chiesto nessun contributo economico.

Nei compiti degli ispettori rientra anche la verifica dell’adozione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore per gli impianti termici a servizio di più unità immobiliari, al fine di favorire il contenimento dei consumi energetici attraverso la suddivisione delle spese per la climatizzazione invernale in base ai consumi effettivi di ciascuna unità.

Qualora vengano rilevati fattori di rischio per la sicurezza, l’Autorità Competente può procedere alla richiesta di interruzione della fornitura di gas all’azienda distributrice. Se saranno rilevate irregolarità i responsabili saranno invitati a risolverle e in caso di mancato intervento sono previste sanzioni da 500 a 3 mila euro.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito web del Comune (http://www.comune.monza.it/it/servizi/Casa-e-Edilizia/Caldaie-e-Impianti-termici/Controllo-caldaie-e-impianti-termici/) oppure è possibile contattare l’Ufficio ambiente 039.2043430/431/432

Commenti