Torta di grano saraceno con marmellata di mirtilli

È una torta ideale per colazione o per merenda, molto soffice dove il gusto del grano saraceno incontra l'aspro della marmellata di mirtilli creando un contrasto delizioso....


torta saraceno mirtilli
713 0
713 0

È una torta ideale per colazione o per merenda, molto soffice dove il gusto del grano saraceno incontra l’aspro della marmellata di mirtilli creando un contrasto delizioso. Generalmente viene fatta con la marmellata di mirtilli rossi ma io preferisco i mirtilli neri. È’ una ricetta tipica del Sud-Tirolo, dove questo dolce viene chiamato Schwarzplententorte.

Ingredienti:
400 grammi marmellata di mirtilli rossi o neri (se avete tempo potete farla voi)
250 grammi di farina di grano saraceno macina a pietra a grana fine
6 uova medie
1 bacca di vaniglia
1 bustina di lievito per dolci
250 grammi di zucchero
250 grammi burro a temperatura ambiente
250 grammi farina di mandorle
Zucchero a velo q.b.

Procedimento: separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve ben ferma aggiungendo gradualmente 100 grammi di zucchero. In una ciotola lavorare il burro morbido con i tuorli e i rimanenti 150 grammi di zucchero fino a ottenere un composto liscio, omogeneo e spumoso. Unire poi al composto la farina di grano saraceno e quella di mandorle (precedentemente setacciate per evitare la formazione di grumi) e i semi della bacca di vaniglia. Unire poi delicatamente con un movimento dal basso verso l’alto gli albumi montati a neve. Mi raccomando in questo passaggio la delicatezza per non smontare gli albumi. Versare l’impasto in una teglia rivestita di carta da forno e infornate a 180 gradi (forno statico e preriscaldato) per circa 1 ora. A cottura ultimata la torta deve raffreddarsi completamente. Solo dopo essere raffreddata, tagliare la torta a metà e farcire con la marmellata di mirtilli. Spolverizzare la torta con lo zucchero a velo e servire accompagnata o da ciuffetti di panna o da marmellata di mirtilli posta in una ciotolina accanto alla torta. Cosa dirvi ancora? Ma certo: buon appetito !

Commenti