Trovata un’iguana nel Parco delle Groane

Anche gli animali esotici, ormai da qualche anno, sono vittime degli abbandoni che in estate raggiungono livelli preoccupanti. Ne è un esempio l'iguana rinvenuta il 2 agosto...


iguana groane
930 0
930 0

Anche gli animali esotici, ormai da qualche anno, sono vittime degli abbandoni che in estate raggiungono livelli preoccupanti. Ne è un esempio l’iguana rinvenuta il 2 agosto a Castellazzo, frazione di Bollate (MI), all’interno del Parco delle Groane.

Il rettile, un esemplare maschio di almeno 10 anni lungo un metro, deve la sua salvezza al fiuto di un cane che, vedendolo immobile sul ramo di un albero, ha attirato l’attenzione del suo proprietario che ha allertato le forze dell’ordine.

Intervenuti sul luogo sia i Vigili del Fuoco che la Polizia Locale e le Guardie del Parco, una lunga ricerca di chi potesse provvisoriamente accogliere l’animale in una struttura idonea si è conclusa ancora una volta con l’ENPA di Monza e Brianza. Sebbene le nostre strutture non siano attrezzate per ospitare a lungo termine animali esotici, facciamo sempre di tutto per risolvere situazioni di emergenza, fornendo quanto meno un primo ricovero.

L’iguana trovata nel Parco delle Groane è stata consegnata il giorno seguente all’ENPA brianzolo. Per il momento è ricoverata in una spaziosa struttura in un’area tranquilla e riparata del rifugio di Monza, in attesa di trovare una sistemazione idonea definitiva.

Nonostante la disgrazia di essere stata abbandonata, per fortuna le temperature di questi giorni non sono tanto diverse da quelle nel suo naturale habitat in Sudamerica; ben diversa, però, sarà la situazione da qui a pochi mesi…

Nella sua nuova e momentanea casa “Tiziano” – questo il nome scelto per lui dai volontari ENPA – si sta dimostrando tranquillo e mangia di gusto le verdure che gli operatori e volontari gli offrono.

Una visita da parte del Dr Riccardo Russo, medico veterinario specializzato in animali esotici della Clinica Veterinaria Nord Milano di Muggiò (MB), che ENPA ringrazia di cuore per la disponibilità, ha riscontrato le buone condizioni di salute, nonostante l’animale sia privo di almeno 20 cm di coda e di alcune dita dei piedi. La muscolatura è buona e non c’è traccia di denutrizione, il che fa pensare che precedentemente sia stata tenuta bene e che non fosse in giro da tanto tempo.

ENPA di Monza e Brianza da sempre biasima la voglia di acquistare e detenere animali esotici, condannati a trascorrere una vita in cattività senza poter esprimere le proprie esigenze etologiche e più delle volte senza vedere soddisfatte anche le primarie necessità di base in termini di habitat, alimentazione e cure. Spesso, purtroppo, l’incapacità di gestire animali del genere sfocia nell’abbandono al loro destino.

Commenti